Dott.ssa ORSOLA VIOLA

Studio di Pedagogia Clinica
Rieducazione posturale Mézières Bertelè
Psicosomatica

utenti on line

Abbiamo 21 visitatori e nessun utente online

Metodo Mézières - Bertelè

E’ un metodo basato sui principi del metodo della fisioterapista francese Françoise Mézières di cui la Dottoressa Bertelè è stata allieva e collaboratrice per l’insegnamento del metodo in Italia e all’estero.
Mézières ha osservato che nel corpo umano i muscoli formano delle unità funzionali chiamate catene muscolari: le catene muscolari sono 5 e sono formate da più muscoli concatenati fra loro che si comportano come se fossero un solo muscolo troppo corto e troppo forte.
Queste catene sono 5 grossi “elastici” che ci schiacciano e ci deformano provocando dolore e limitazione nei movimenti.

Il metodo Bertelè si differenzia dal metodo Mézières in quanto considera l’uomo nella sua globalità psicofisica e quindi ogni dolore, deformazione, contrattura viene presa in considerazione come un sintomo di disagio, di una sofferenza più profonda, in altre parole di una difficoltà di relazione, di comunicazione della persona con se stessa e con l’ambiente circostante. Il metodo Bertelè prevede l’integrazione del lavoro sul corpo con l’ascolto della musica. Per questo la prima visita o bilancio audio-psico-posturale comprende una valutazione psico-posturale in statica e nel movimento e anche una valutazione delle capacità uditive e di ascolto del soggetto per mezzo del test d’ascolto.

Si può così stabilire un programma di rieducazione posturale e psicomotoria. Il lavoro sul corpo viene preceduto e accompagnato dall’ascolto di brani musicali in cui vengono sottolineate bande passanti di frequenze in base alla programmazione dedotta dai test iniziali.
L’ascolto favorisce e facilita il cambiamento psicofisico dato che la musica è una fonte energetica insostituibile per ricaricare quella parte del sistema nervoso centrale chiamata formazione reticolare, che da una parte è responsabile delle attività corticali superiori (attenzione, concentrazione, veglia) e dall’altra della modulazione del tono muscolare di base.

 

Percorso